6650 VISUALIZZAZIONI “IL MIO TEATRO È UNA CITTA’

TEATRO PUBBLICO LIGURE, FONDAZIONE TEATRO SOCIALE CAMOGLI Direzione artistica Sergio Maifredi. 6650 VISUALIZZAZIONI IN POCHE ORE PER IL CONVEGNO “IL MIO TEATRO È UNA CITTA’, SVOLTOSI A PORTE CHIUSE E IN STREAMING PER L’EMERGENZA CORONAVIRUS. DA STEFAN KAEGI A SERGIO MAIFREDI, GIAN LUCA FAVETTO, RITA MAFFEI, ANGELO PASTORE A DAVIDE LIVERMORE IN VIDEO DA SYDNEY ED EUGENIO BARBA DALLA DANIMARCA, SEDICI TEATRANTI HANNO TRACCIATO IL FUTURO DI UN NUOVO TEATRO CHE CURI IL RAPPORTO TRA L’INDIVIDUO E LA COMUNITA’ . Sono state più di 6600 le visualizzazioni della diretta on line del convegno “Il mio teatro è una città”, che si è svolto a porte chiuse sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo a causa dell’emergenza sanitaria provocata dal coronavirus. Gli organizzatori delle due giornate di studio, Teatro Pubblico Ligure e Fondazione Teatro Sociale di Camogli, di fronte alla chiusura dei teatri stabilita dall’ordinanza, hanno deciso di non fermare i lavori e organizzato con grande rapidità la ripresa video e la trasmissione on line dei lavori sulla pagina Facebook di Teatro Pubblico Ligure. L’iniziativa è stata premiata dal numero di visualizzazioni, che è risultato ben più alto delle persone che il Teatro di Sori e il Teatro Sociale di Camogli avrebbero potuto contenere. La comunità dei teatranti ha accettato la sfida, confermato la sua presenza e quindi la volontà di rimanere collegata con il pubblico anche in questa circostanza. Il fondatore dell’Odin Teatret Eugenio Barba con Julia Varley sono intervenuti da Hostelbro, in Danimarca; il direttore del Teatro Nazionale di Genova Davide Livermore da Sydney, Australia. Tutti gli altri sono venuti a Sori e a Camogli, felici dell’accoglienza trovata e della bellezza dei luoghi in cui sono stati ospitati. In un’atmosfera di partecipazione cordiale e motivata, si è così svolto l’incontro “Il mio teatro è una città – Esperienze di teatro e cittadinanza. Audience engagement in Italia e in Europa”, appuntamento inscritto nel macroprogetto “Atlante del Gran Kan”, ideato da Sergio Maifredi, direttore artistico di Teatro Pubblico Ligure e Fondazione Teatro Sociale di Camogli, di cui è anche sovrintendente. “Ci siamo ripromessi – ha dichiarato Maifredi al termine del convegno – di vederci l’anno prossimo a Sori e Camogli per proseguire il confronto sul teatro e la città e riflettere sul potere innovativo di un teatro rigenerante in cui noi, come sarti, dobbiamo ricucire il legame dei cittadini con i luoghi che li rappresentano. Noi proseguiremo in primavera a Sori e Camogli con Atlante del Gran Kan”. Il giornalista e critico teatrale Andrea Porcheddu, che aveva il ruolo di coordinatore, ha invitato i teatranti a essere “turpi, vani e girovaghi”, termini con cui nell’antichità si stigmatizzava la loro indipendenza, per sottrarsi alla tirannia del botteghino e dei bandi e dedicarsi alla creatività viva. Stefan Kaegi, fondatore dei berlinesi Rimini Protokoll, per la prima volta in Liguria, ha descritto spettacoli dalla forte componente sociale come “100% Stadt” in cui i freddi numeri dei diagrammi a torta con gli abitanti divisi a fette percentuali tornano ad avere un volto e un corpo. Poi ha sottolineato l’importanza di “essere in un Teatro che si chiama Sociale e rappresenta la società partecipata, ma ha un palco alto e un’architettura che nell’ottocento non è stata pensata per realizzare questo modello. Ci vuole tempo per superare questa complessità”. Una missione che il Teatro di Camogli oggi sposa con entusiasmo. Tutti i partecipanti hanno raccontato le loro esperienze in un teatro che prevede il coinvolgimento diretto degli spettatori. Sono Rita Maffei (regista, attrice, condirettore artistico del CSS di Udine – Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia), Simone Pacini(docente di comunicazione e fondatore di fattiditeatro.it), Lucia Franchi (condirettrice di Kilowatt Festival Sansepolcro, capofila progetto europeo BeSpectActive, coautrice del volume Lo spettatore è un visionario), Carla Peirolero (direttore artistico Festival e Compagnia Suq Genova), Angelo Pastore (presidente Agis Liguria), Tommaso Bianco (fondatore della compagnia Kronoteatro di Albenga e del Festival Terreni Creativi), David Beronio e Clemente Tafuri(registi, drammaturghi, fondatori di Teatro Akropolis di Genova), Chiara Mignemi (coordinatrice progetti di audience development della rivista / associazione culturale Stratagemmi – Prospettive Teatrali) e Micaela Casalboni (condirettrice artistica del Teatro dell’Argine – San Lazzaro di Savena – Bologna). Gian Luca Favetto, drammaturgo del progetto, ha così commentato il risultato delle due giornate di convegno: “Il teatro si è disposto a città e i teatranti si sono presentati cittadini, il palcoscenico è diventato una piazza di incontro. Al di là delle formule – teatro di partecipazione, teatro di comunità, teatro sociale – si sono messe in fila originali esperienze di gruppo. Nel raccontarle e nell’ascoltarle, lontano da ogni possibile omologazione, ciascuno ha trovato le sue comunanze con gli altri. È così che l’incontro è diventato un’azione teatrale contemporanea. Contemporanea, perché non attuale. Contemporanea, perché non antica, non moderna, iscritta ma non appiattita nel tempo presente. Il teatro fatto e discusso insieme si dimostra un antidoto contro tutte le pesti.” Farida Simonetti, presidente della Fondazione Teatro Sociale di Camogli ha ringraziato i presenti rinnovando l’invito di Sergio Maifredi a un incontro futuro: “In questa occasione ci siamo disposti per necessità di ripresa a semicerchio sul palco. Vorrei che il cerchio si completasse e che la prossima volta ci fosse il pubblico anche in platea, per condividere la riflessione su un modo di fare teatro che vuol renderlo protagonista.”

www.teatropubblicoligure.it
www.teatrosocialecamogli.it
www.sergiomaifredi.it

6650 VISUALIZZAZIONI “IL MIO TEATRO È UNA CITTA’